Ricordando Pinòta

15 Ottobre 2014 - Scritto da Gaia-staffVT in Racconti & Immagini.

Ruggero Rizzi per il nostro "Racconta Torino"...
"Solo un ricordo di un personaggio storico del borgo dove sono vissuto e che...
Ma andiamo per ordine.
Si chiamava (o si faceva chiamare) "Pinòta". Esile, bassa di statura, capelli corti alla maschietta, con la frangia e di colore sale/pepe. Età sui sessanta (che erano davvero tanti per me ragazzino) Fumava anche per la strada: cosa abbastanza coraggiosa per una donna a quel tempo.
Fumava "Africa", le sigarette meno costose dopo le "Alfa" e le "Nazionali semplici". Una volta mi chiese di andargliele a comperare... si vendevano ancora sfuse: 5, che il tabaccaio metteva nella piccola busta di cartavelina.
"Pinòta" di professione: cantante ambulante questuante. Certamente una antesignana degli "artisti di strada" odierni. La ricordo con la sua inseparabile gabbia di vimini con il canarino dentro che, certamente addestrato, ad ogni obolo ricevuto estraeva col becco uno dei fogliettini piegati nell'angolo della gabbia stessa. Di solito erano di color azzurro o giallo. Sopra vi era stampato uno speranzoso ed ottimista oroscopo con anche i numeri (fortunatissimi c'era scritto!) da giocare al lotto...

A richiesta "Pinòta" vendeva anche "canzonieri" formato manifesto, con i testi delle canzoni anni 40/50 che teneva piegati sotto un braccio come fossero giornali. Abitava in un cortile di via Nizza, quasi di fronte alla chiesa del Sacro Cuore, in un vicoletto poco prima dell'angolo di via Monti. Al mercato di piazza Nizza, tutti gli ambulanti la conoscevano e spesso, dopo le sue solite esibizioni, rigorosamente dal vivo (o a "a cappella" come si direbbe ora) anzichè monetine, le porgevano qualche frutto, talvolta un "manigòt" di insalata.
Nonostante arrocchita dalle sigarette, la sua voce era intonata e molto musicale, certamente anche merito del "quartin e dùe bicèr" che qualche anima buona gli offriva da "Fiùri", la piola che c'era in piazza Nizza, ad una decina di metri dal "Giaguaro" allora ancora trattoria.
L'ultima volta che l'ho vista e sentita cantare (abitavo in via Donizetti)... era in compagnia di un fisarmonicista... siamo nel 1957/58... che di pomeriggio andavano ad "esibirsi" nei cortili in attesa che da qualche balcone piovesse qualche monetina. Non c'era più la gabbia. Scesi e mi riconobbe: fu lei che mi insegno le parole di "Solo me ne vo per la città".
Proprio la settimana scorsa, in una festa con amico, me l'hanno fatta cantare e, improvvisamente si è aperto un cassetto della mia memoria ed ho ricordato "Pinòta".
E... detto, fra noi, mi è pure venuto un piccolo groppo in gola.
Chissà perchè...
o forse... starò invecchiando?... Ciau Pinòta. 

Testo di Ruggero Rizzi
www.facebook.com/ruggero.rizzi


[Condiviso su: pagina FB]



Tag usati: ,

No comment to "Ricordando Pinòta"

(optional field)
(optional field)
PROTEZIONE ANTI-SPAM. Se non rispondi alla domanda il commento non verrà inviato. Grazie

In questo sito si attua la moderazione dei commenti. Questo significa che il tuo commento non è visibile finché non viene approvato da un moderatore.

Mantenere le informazioni personali?
Nota: Tutti i tag HTML eccetto <b> e <i> saranno rimossi dal commento. Puoi inserire collegamenti semplicemente scrivendo un URL o un indirizzo e-mail.
CREDITS | 2002 - 2015 ViviamoTorino.com e' un progetto di Gaia Capucchio - Gecgroup.com | Tutto il materiale e' riservato e di proprieta' dei rispettivi autori | Disclaimer - Regole | Login |

Viviamotorino.com non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.01

05.2014 Restyling theme by Gecgroup.com | Original theme Magazine for PivotX by Windmill Web Work, released under the Simple Public License | Risoluzione consigliata 1280x1024px

Cookie Policy: Questo sito non utilizza cookie di profilazione a scopi pubblicitari ma cookie necessari al funzionamento e condivisione di alcune parti di esso.
Per maggiori informazioni leggere l'Informativa Estesa Cookie. Navigando il sito si acconsente all'uso dei cookie.